mercoledì 26 dicembre 2012

Diario di un intollerante anonimo: pranzo di Natale

Foto da web 


...
...
...
...
...
Che poi dico io, quelli che stanno peggio in queste circostanze, non sono tanto gli intolleranti, quanto i familiari.
Familiari che finiscono anche loro a mangiare verdurine e piatti piuttosto sciapi perchè poi 'apicciridda ci resta male.
Niente pastaalfornofassumaurupolpetteripienepatateconformaggio e amenità varie.
Niente fungo fritto nel burro e affogato nella bechamelle.
Niente creme caramel, niente panettone, niente pandoro e soprattutto niente crema al mascarpone.
...
...
...
...
...
...
...
Ricordate, la parola d'ordine è ATARASSIA.

E allora buon Natale, tra una galletta e un maccherone di mais, tra una carota ed un quarto di finocchio.
Guardiamo il lato positivo: nessuno, della mia famiglia, dovrà fare la dieta disintossicante post abbuffate...


4 commenti:

  1. :( beh mi dispiace..non ti dirò allora cosa ho mangiato io per non farti soffrire, ma almeno resti in linea no? ^^

    RispondiElimina
  2. Sì, la consolazione dei fessi :D

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...